Home » Gfinity diventa partner produttivo dei Red Bull Home Ground

Gfinity diventa partner produttivo dei Red Bull Home Ground

Gfinity è ora partner produttivo per il Red Bull Home Ground di Valorant

di Lorenzo Ardeni
Gfinity Red Bull Home Ground

2 min. di lettura

La media company Gfinity è stata nominata partner produttivo per il Red Bull Home Ground di Valorant di dicembre. Il suo ruolo sarà quello di provvedere della produzione dei servizi e del broadcast end-to-end, così come procurare le infrastrutture necessarie per l’attuazione dell’evento.

Peraltro, non si tratta della prima volta che le due compagnie collaborano assieme: l’accordo per il Red Bull Home Ground è infatti una continuazione del rapporto sul lungo termine da parte di Red Bull e Gfinity. Precedentemente, infatti, hanno lavorato assieme per i Red Bull Kimite 2021, il Red Bull Campus Clutch World Final Knockout 2021 e il torneo Worlds Simplified 2020.

Gfinity e Red Bull Home Ground: dettagli sull’evento

Il Red Bull Home Ground è un torneo di Valorant con un premio da 100 mila dollari che si terrà nientemeno che a Manchester, in Inghilterra, per il terzo anno consecutivo. L’evento è parte ufficiale del programma off-season del 2023 di Valorant, annunciato inizialmente durante il mese di settembre. Gfinity si occuperà dei servizi di broadcast dell’evento, così come della creazione di contenuti che, secondo la compagnia, si tratta di un “piano completo di contenuti pre-evento”.

John Clarke, CEO di Gfinity, ha anche rilasciato un commento:

“Siamo felici di lavorare ancora una volta con Red Bull e di continuare il nostro rapporto su lungo termine. Quando si lavora con Red Bull si ha la certezza di un viaggio collaborativo e creativo.”

Ciò che rende unica questa tipologia di torneo, come accade spesso con gli eventi di Red Bull esport, è che a partecipare ci saranno ben otto team, dove ognuno potrà scegliere una sua mappa. Se una squadra vince la prima serie, vincendo sia sulla propria mappa che su quella avversaria, fa avanzare nel torneo la propria organizzazione. In caso di sconfitta, il gioco persegue a una serie al-meglio-di-cinque.

Non a caso, questa formula unica si è spesso rivelata di successo per Red Bull negli scorsi anni: ricordiamo infatti come la compagnia abbia già realizzato i Red Bull Flick, un evento di Counter Strike: Global Offensive 2 contro 2 su piccole mappe, e il Red Bull Solo Q, ovvero un torneo di League of Legends 1 contro 1.

John Clarke ha poi invitato giocatori e appassionati a seguire l’evento:

“Il focus è di presentare il giorno e il torneo in un modo coinvolgente e divertente per i giocatori e i fan. Noi amiamo la sfida. I Red Bull Home Ground 2022 alzeranno questo livello ancora più di prima. Non mancatelo!”

Si tratta di una novità molto interessante, ma vi consigliamo di restare connessi sulle pagine di The Esports Industry per non perdere alcun aggiornamento o altre notizie sull’indsutria dell’esport. Ad esempio, è stato annunciato il lancio della piattaforma Realm con una competizione di Apex Legends da 150 mila dollari.

Immagini di Gfinity e Red Bull.