Home » Rivalry rivela i suoi dati delle scommesse esport del 2022

Rivalry rivela i suoi dati delle scommesse esport del 2022

Rivalry rilascia una serie di interessanti dati con le abitudini e i trend delle scommesse nel 2022.

di Lorenzo Ardeni
Rivalry Wrapped

2 min. di lettura

Rivalry, una compagnia di scommesse esport, ha appena rilasciato il Rivalry Wrapped, ovvero un report di fine anno che definisce tutti i suoi dati relativi alle scommesse di esport del 2022. Oltre a questi dati, vengono anche rivelate alcune interessanti informazioni relative ai trend dell’anno.

Primi tra questi è l’incremento del volume delle scommesse su Valorant di Riot Games, che aumenta del 264% rispetto al 2021, oltre che per un maggiore interesse nei confronti degli sport tradizionali e sulle scommesse di giochi mobile.

Il report cita anche che i titoli su cui sono state effettuate più scommesse nel 2022 sono stati League of Legends, Counter Strike: Global Offensive, DOTA 2, Valorant e Mobile Legends: Bang Bang. Ad essere ancor più incredibile è che i primi tre, da soli, hanno rappresentato il 90% del totale delle scommesse effettuate su Rivalry.

Sorprende anche la presenza di Mobile Legends: Bang Bang, che ha scalato la classifica della piattaforma in breve tempo raggiungendo i primi cinque titoli su cui sono state registrate più scommesse.

Rivalry: i dati dei giochi e delle squadre con più scommesse

Per quanto riguarda i dati relativi alle regioni, League of Legends risulta il gioco più popolare in America Latina, mentre il sudest asiatico preferisce DOTA 2. Counter Strike: Global Offensive è invece il più gettonato in Canada, Australia e il resto del mondo. I team di esport su cui si è scommesso maggiormente sono stati i FURIA, Team Liquid, LOUD, Red Canids e gli T1.

Come anticipato, un altro dato molto interessante riguarda i volumi delle scommesse sugli sport tradizionali: oltre il 50% degli utenti di Rivarly hanno mostrato il loro interesse anche in essi, sebbene l’attenzione di tutti rimanga decisamente più elevato sugli esport. Tra le discipline più tradizionali, peraltro, quelle più popolari sono il basket, con al secondo e terzo posto rispettivamente il calcio e il football americano.

La compagnia ha fatto consigliato di tenere sott’occhio i giochi mobile e Valorant, nello specifico, per il 2023. Questo perché, analizzando i dati, è chiaro che la crescita del settore mobile e dello sparatutto di Riot Games è aumentato molto negli ultimi mesi. 

Dopotutto, l’industria mobile è particolarmente importante in questo scenario proprio perché, secondo quanto riportato da gamesindustry.biz nel suo più recente report, ha rappresentato il 50% del mercato del gaming nel 2022.

Rivalry è una compagnia che si occupa di tecnologie e scommesse interamente incentrate sul settore dell’esport con sede in Canada. Il progetto di Rivalry Wrapped, di cui trovate il documento per intero a questo link, è qualcosa di inedito da parte della compagnia, che giunge a ridosso dell’annuncio di un incremento dei guadagni per essa nel corso del 2022.

Parliamo quindi di dati molto interessanti, che mostrano in modo chiaro i trend dei giocatori di tutto il mondo. Valorant, in particolare, potrebbe davvero rivelarsi un titolo da tenere sott’occhio durante il 2023, soprattutto dopo l’annuncio del Valorant Challengers Italy Rinascimento, una serie di competizioni interamente dedicate al mercato italiano.