Home » Nerd Street: dove sono i soldi dei Pro-player?

Nerd Street: dove sono i soldi dei Pro-player?

Debiti per le competizioni Valorant

di Davide E. Nappi
Nerd street

2 min. di lettura

Non sono pochi oramai i pro-player americani che, dopo aver partecipato a competizioni di Valorant organizzate da Nerd Street autorizzate da Riot Games nella seconda metà del 2022, lamentano di non essere stati pagati.

L’amministratore delegato di Nerd Street, John Fazio, afferma che la società sta lavorando per gestire i pagamenti arretrati il più rapidamente possibile, ma sembrerebbe che abbia debiti anche con la sezione “talent and production”.

Lo scorso gennaio Riot Games ha nominato Nerd Street partner esclusivo per le tre tappe del Valorant Champions Tour nordamericano e per tutti e tre i tornei Game Changers, un programma che crea nuove opportunità di competizione per le donne e i gruppi minormente rappresentati sulla scena esport.

Il caso su Twitter

Ad esporre per prima la situazione di difficoltà dell’azienda nel pagare le figure coinvolte nei tornei Valorant è stata Kariann Tan, direttore generale dell’organizzazione di esports Detonate di Atlanta, che il 15 dicembre ha criticato Nerd Street su Twitter per aver promosso le prossime competizioni di CS:GO mentre trascurava le questioni in sospeso – ed i pagamenti – delle competizioni precedenti.

All’epoca, l’amministratore delegato aveva risposto dicendo che la società stava lavorando per far sì che “tutti venissero pagati al più presto” prima dell’inizio della prossima stagione, giustificando il ritardo dicendo che la società è “spesso alla mercé di terze parti come i marchi/editori per cui produciamo questi eventi. Quando non pagano, siamo noi a dover pagare”.

In più, pare che anche il fallimento di FTX ( borsa di criptovalute, ora fallita) con cui l’organizzazione aveva stretto una partnership, abbia portato a un cambiamento nella politica di finanziamento degli eventi futuri:
“Dopo FTX e altri recenti problemi con i partner, abbiamo deciso di autofinanziare i nostri eventi con budget più ridotti per evitare che ciò accada di nuovo”.

La conversazione sui giocatori che non sono stati pagati è emersa in un thread su Twitter, avviato dall’ex giocatore della TSM Academy Timothy “ZK” Ly.

L’elenco delle figure ancora in credito con Nerd Street, secondo le informazioni raccolte, comprenderebbe:

  • L’ex giocatore della TSM Academy Timothy “ZK” Ly
  • Il Player Oxygen Esports Yassin “Reduxx” Aboulalazm
  • L’ex squadra dei Ghost Gaming (scioltasi all’inizio di settembre).
  • Il giocatore degli Shopify Rebels Benita Novshadian
  • Team Seal

Per non perderti ulteriori sviluppi del caso, resta sempre aggiornato, qui su Esports Industry