Home » League of Legends: modifiche al formato dei Mondiali e del Mid-Season

League of Legends: modifiche al formato dei Mondiali e del Mid-Season

Doppia eliminazione e Swiss Stage

di Davide E. Nappi
League of legends

2 min. di lettura

Riot Games, sviluppatore del titolo, ha presentato importanti modifiche che apporterà al formato del Mid-Season Invitational (MSI) e del World Championship 2023 di League of Legends.

L’MSI 2023 si svolgerà a Londra e il pool delle squadre partecipanti è stato esteso da 11 a 13 squadre. Inoltre il Play-In Stage e il Bracket Stage saranno caratterizzati da un formato a doppia eliminazione.

I Play-In vedranno la partecipazione di otto squadre divise in due gruppi da quattro, che si sfideranno in partite a doppia eliminazione. Le vincitrici dei gironi passeranno alla fase successiva insieme alle vincitrici di un’eliminatoria all’ultimo respiro tra le due vincitrici dei lower bracket. Le tre squadre dei Play-In avanzeranno al Bracket Stage per competere con le prime classificate di LEC, LCS, LPL e LCK.

Le World Championship 2023 adotteranno un formato di tipo Swiss Stage.
Il torneo tornerà in Corea del Sud dopo cinque anni. Un totale di 22 squadre riceveranno l’invito all’evento che prevede una nuova fase nota come Worlds Qualifying Series (WQS).

Le WQS vedranno le quarte teste di serie della LEC e della LCS sfidarsi in un match al meglio delle cinque partite per guadagnarsi un posto ai Mondiali. La vincente passerà allo Swiss Stage, nel quale le squadre cercheranno di assicurarsi la qualificazione vincendo almeno tre partite. Pur essendo un sistema relativamente nuovo in League of Legends, il formato svizzero è regolarmente utilizzato nell’ecosistema di CS:GO.

Nonostante le richieste di una fase a eliminazione diretta con un girone a doppia eliminazione, i Worlds 2023 manterranno un girone a singola eliminazione best-of-five per determinare il vincitore finale.

Il cambiamento di formato fa seguito alle modifiche apportate al programma di trasmissione e broadcasting degli esports di League of Legends e VALORANT.  L’obiettivo è quello di creare palinsesti in linea con le preferenze degli spettatori.

 

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo Riot games: nel SEA autoprodurremo LOL