Home » Esports: trend e predizioni per l’industria nel 2023

Esports: trend e predizioni per l’industria nel 2023

Tutte le previsioni e i possibili trend dell’industria nel 2023

di Lorenzo Ardeni
Game and glory

7 min. di lettura

Il 2022 si è rivelato un anno particolarmente interessante per l’industria degli esports, con numeri sempre più importanti e una maggiore attenzione riguardo nuovi titoli e trend. Tra l’ascesa di giochi mobile, la rinascita di altri come CS:GO e DOTA, la risalita di Valorant e la mutabilità di criptovalute, token ed NFT, il 2022 è stato un anno davvero molto particolare

Durante la giornata di ieri abbiamo riportato un resoconto, stilato da Esports Insider, che trae delle somme su quello che è stato l’anno passato per l’industria. Ad esser stato particolarmente interessante è però l’intervento di numerose figure di spicco, che hanno offerto delle loro dichiarazioni in merito a ciò che, a loro avviso, è stato il 2022 nel settore. 

In molti si sono espressi, tra Josie Brown, SVP of Brand di Team Liquid, fino a Craig Levine, Co-CEO di ESL FACEIT. Oggi vi indichiamo una nuova indagine di Esports Insider in cui vengono riportate alcune predizioni per quello che potrebbe essere il 2023 all’interno dell’industria degli esports.

Overwatch League

Credit: Activision Blizzard King.

Quali sono le tue previsioni per il corso dell’industria degli esport nel 2023?

Stuart Saw, CEO e Co-Founder, RTS: “Con l’imminente recessione, vedremo molte sfide per l’attuale modello di business degli esport. Ero in giro nell’ultima recessione ed è stato brutale. Mentre fortunatamente siamo in una posizione molto migliore rispetto all’ultima volta, vedremo la maggior parte delle organizzazioni tentare di costruire piste per superare le prossime sfide economiche.”

Josie Brown, SVP di Brand, Content and Marketing, Team Liquid: “Mi aspetto che altre organizzazioni continuino a crescere ed espandere i loro marchi al punto in cui possano esistere indipendentemente dai giochi a cui potremmo principalmente associarli. Il Team Liquid è molto più di una o due squadre, in un circuito o in un campionato. Siamo un’organizzazione globale che ha la possibilità di definirci alle nostre condizioni, e questo è un ottimo posto dove stare.”

Grant Zinn, CEO, Beastcoast: “Penso che la maggior parte delle organizzazioni utilizzerà il 2023 come un momento per concentrarsi sulla crescita strategica, poiché l’era delle organizzazioni sostenute da VC che monetizzano solo con la sponsorizzazione di Jersey è diventata una cosa del passato. Dovremo essere creativi e attenti a come ci espandiamo per assicurarci che le nostre organizzazioni e i nostri team abbiano longevità.”

Jérôme Coupez, CEO, Prodigy Agency: “Ci sono molte sfide, specialmente per i team, per sviluppare i loro flussi di entrate e massimizzare la monetizzazione. Spero davvero che tutte le squadre riescano a farlo. Molti giochi continuano a crescere con un vasto pubblico, consentendo agli esport di crescere a livello globale e questo non si fermerà presto. Spero solo che l’intero settore possa trovare il modo di ridistribuire correttamente le entrate in modo che tutte le parti interessate possano continuare a crescere e renderle sostenibili per tutti.”

Wouter Sleijffers, CEO, EXCEL EsportS: “I tempi rimarranno impegnativi, il che significa che alcune aziende dovranno fondersi e alcune non sopravviveranno, purtroppo. Detto questo, gli esport premium vedranno un ulteriore impulso con più marchi in arrivo come modi in cui i partner possono beneficiare e continuare ad avere un impatto maggiore. Le competizioni femminili vedranno un grande aumento! Prevedo anche ulteriori normative e leggi che avvantaggiano i talenti.”

Nicolas Maurer, CEO, Team Vitality: “In questa difficile economia, è diventato più complicato accedere al capitale sul mercato. Poiché le squadre di esport non hanno ancora trovato il percorso giusto per la redditività, dobbiamo imparare collettivamente come risolvere l’equazione di fare meglio, ma con meno risorse. Ecco perché il 2023 potrebbe essere l’età di maturità per le organizzazioni di esport.”

Milan Games Week

Credit: Esports Industry

Quali sono alcuni degli obiettivi della vostra organizzazione per il prossimo anno?

Beastcoast: “investire di più nella scena di base, così come negli eventi della comunità intorno a Super Smash Bros. Melee e Pokémon.”

ESL FACEIT Group: “supportare gli sviluppatori indie, AA e AAA all’inizio del ciclo di sviluppo del gioco e costruire la sua posizione “oltre il gameplay.”

EXCEL EsportS: “vincere nei titoli e far crescere la nostra fanbase, per poi sviluppare “oltre il nucleo degli esport.”

Prodigy Agency: “cercare di espandere la nostre attività in regioni chiave come la Corea del Sud, creando opportunità per i giocatori per avere una sostenibilità a lungo termine attraverso accordi strutturati pluriennali, oltre ad aumentare le strategie di proprietà intellettuali.”

Team Liquid: “essere in una conversazione di campionato in ogni partita in cui competere, pur continuando a costruire un’identità congiunta per guadagnare più fan.”

Team Vitality: “festeggiare il nostro 10° anniversario, vincere ogni singola competizione (LEC, VCT e sollevare il trofeo della CS:GO Major a Parigi di fronte a una folla) e ottenere i fan usando la nostra app mobile V.Hive.”

The Story Mob: “Crescita!” Continuare a sostenere le nostre operazioni, costruire su ciò che abbiamo raggiunto nel 2022 ed esplorare l’espansione.”

Tundra Esports: “I vincitori back-to-back di The International sarebbero belli.” Inoltre, vorremmo sfide per altri titoli importanti e creare più contenuti intorno ai nostri ambasciatori.”

League of legends

Credits: Riot Games

Su cosa pensi che l’industria debba lavorare l’anno prossimo?

Jérôme Coupez, CEO, Prodigy Agency: “Penso che la sfida principale per tutti sia continuare a sviluppare modi per monetizzare l’incredibile pubblico e la fanbase che vengono costruiti negli esport, fornendo prodotti e contenuti veramente significativi. C’è ancora molto che possiamo fare per gli esport per continuare a crescere e penso davvero che abbiamo alcune delle menti più innovative che lavorano nel nostro settore!”

Evgeniy Roshchupkin, CEO, Tundra Esports: “Mi piacerebbe vedere gli esport entrare nei servizi di streaming mainstream. Le rivalità, le competizioni e le storie dei giocatori sono a volte ancora più eccitanti che nello sport [tradizionale], mentre i contenuti e le capacità di produzione negli esport sono di prim’ordine. In generale, la commercializzazione dei diritti sarebbe una delle principali opportunità per le aziende di esport di scalare con successo nei prossimi anni.”

Josie Brown, SVP di Brand, Content and Marketing, Team Liquid: “Per me, guardare il nostro team brasiliano femminile di Valorant prosperare quest’anno ha solo rafforzato quanto si può fare di più per sostenere le donne negli esport. Voglio continuare e far crescere la presenza di leadership di Team Liquid qui, consentendo alle professioniste e alle creatrici di contenuti di raggiungere nuove vette. Speriamo che l’industria segua l’esempio.”

Brian Ward, CEO, Savvy Games Group: “C’è spazio per migliorare le esperienze dal vivo e come vengono trasmessi gli esport, abbastanza per portarli allo stesso livello di popolarità della Formula 1 o del calcio. Il settore, comprensibilmente, ha un fascino specifico – principalmente per il pubblico sempre crescente di giocatori o fan di giochi competitivi specifici – e dobbiamo ampliare quel fascino più in generale. L’accessibilità alle partite di esport in diretta o trasmesse fa parte del problema quando si tratta di attirare un pubblico più ampio.”

Inter Coppa eFootball Italia

Credit: Esports Industry

Quale titolo di esport pensi che subirà il maggior sviluppo nel 2023?

Miles Yim, direttore associato, The Story Mob: “È Valorant. Sono misurato ottimista sul fatto che le risorse generate dal franchising – incluso il collegamento degli ecosistemi internazionali in VCT in America, EMEA e APAC – stimoleranno la crescita degli spettatori e creeranno trame avvincenti che coinvolgeranno più fan.”

Stuart Saw, CEO e co-fondatore, RTS: “2023 e 2024 saranno gli anni della comunità dei giochi di combattimento [FGC]. Abbiamo nuovi titoli in tutta la comunità e con un pubblico già forte sul mercato ci aspettiamo che crescerà a nuovi massimi.”

Wouter Sleijffers, CEO, EXCEL EsportS: “Brawl Stars, o almeno questo è il mio desiderio! Mi piacerebbe vedere uno dei giochi di competizione mobile avere un grande impatto nella nostra regione perché credo che dovrebbe ottenere più credito di quello che ottiene ora negli esport occidentali. Altrimenti, senza dubbio vedremo più sviluppo in Valorant per il 2023.”

Grant Zinn, CEO, Beastcoast: “Sarà emozionante guardare la crescita di Valorant in tempo reale con il loro passaggio alla partnership. C’è sempre una curva di apprendimento con qualsiasi nuovo sport, ma i passi che hanno fatto finora sono impressionanti e sarà un ottimo case study per ciò che funziona e non funziona quando si legittima un nuovo esport. E naturalmente, come organizzazione con una presenza significativa nel FGC, siamo molto eccitati per il Progetto L e non vediamo l’ora di saperne di più. Incrociamo le dita per la beta aperta nel 2023!”

Craig Levine, Co-CEO, ESL FACEIT Group (EFG): “Penso che ci sia ancora molto più sviluppo e crescita dal settore dei giochi mobile con nuovi titoli che arriveranno sul mercato, e i migliori esport mobile continueranno ad evolversi. Dal punto di vista della partecipazione, pensiamo che questa sia una delle piattaforme più accessibili per gli esport. La nostra serie Snapdragon Pro ha visto una massiccia partecipazione e una crescita del pubblico del 60% in tutto il nostro programma: PUBG Mobile, Clash of Clans e Brawl Stars.”


Come abbiamo visto, quindi, la maggior parte delle previsioni delle aziende all’interno dell’industria degli esports riguardano la loro espansione all’interno del mercato sia da un punto di vista strategico, sia per ampliare la propria fanbase.  È interessante notare anche come molte di queste stesse agenzie tengano gli occhi puntati sul mondo degli esports femminili, che potrebbero ottenere una rivalsa molto importante nel 2023 e raggiungere un pubblico molto differente da quello attuale.

Staremo quindi a vedere in che modo il 2023 andrà ad impattare sull’industria e come le compagnie esport avranno modo di crescere. Come sempre, vi consigliamo di restare sintonizzati sulle pagine di Esports Industry per non perdere alcun aggiornamento e novità sull’industria.

Immagine di copertina di ESL Gaming.