Home » Moonton: “Chiediamo scusa”

Moonton: “Chiediamo scusa”

Ospitato il MPL Indonesia senza autorizzazione della PBESI

di Redazione
Moonton

2 min. di lettura

Moonton, lo sviluppatore cinese e organizzatore del torneo Mobile Legends: Bang Bang Professional League (MPL) si è scusato sui social media per l’ errore di negligenza che lo ha portato ad ospitare la stagione 10 del MPL Indonesia senza il permesso e la raccomandazione di Pengurus Besar Esports Indonesia (PBESI).

Nella dichiarazione Moonton ha anche riconosciuto la PBESI come l’unica “Esports Parent Organization” riconosciuta dal governo indonesiano. La dichiarazione, tradotta, recita come segue:

“[In qualità di] organizzatori di Mobile Legends: Bang Bang Professional League Indonesia Season 10, con la presente ci scusiamo profondamente con il General Board of Esports Indonesia (PBESI), i partecipanti di Mobile Legends: Bang Bang Professional League Stagione 10 e il pubblico in generale per la nostra negligenza nello svolgere Mobile Legends: Bang Bang Professional League Season 10 senza il permesso e la raccomandazione della PBESI.

Riconosciamo e ci rendiamo pienamente conto che è stata colpa nostra, a causa di una nostra imprecisione. Attraverso questo comunicato, dichiariamo inoltre di riconoscere la PBESI come l’unica organizzazione madre di esport riconosciuta dal governo indonesiano. Pertanto, promettiamo e ci impegniamo a rispettare [tutte] le regole e/o le politiche della PBESI e le altre regole e/o politiche relative agli […] Esports in Indonesia, in modo da poter fornire sempre il meglio alla comunità degli Esports in Indonesia.
Diamo molto valore e apprezziamo tutto il supporto che ci viene dato.”

La stagione 10 della MPL Indonesia si è conclusa il 23 ottobre 2022. Non è chiaro il motivo per cui Moonton abbia dovuto presentare le scuse la settimana scorsa, prima della MPL Indonesia Season 11, che inizierà a febbraio e avrà un montepremi totale di 300.000 dollari.
Non è chiaro altresì come sia possibile che l’autorizzazione per un torneo così atteso non sia stata fornita in tempo, visti anche i trascorsi delle due organizzazioni e il rapporto di continua comunicazione che è sempre intercorso.