Home » Dundee and Angus College lancia la prima laurea in esport in Scozia

Dundee and Angus College lancia la prima laurea in esport in Scozia

Ad agosto 2023 partirà il primo corso esport del paese

di Redazione
Dundee and Angus College

2 min. di lettura

Dundee and Angus College ha annunciato un piano per lanciare la prima laurea legata agli esport della Scozia durante il mese di agosto 2023. La Esports and Creative Industries Art Foundation Degree insegnerà agli studenti una serie di competenze chiave trasferibili, incluse nozioni su come organizzare e gestire gli eventi. Simon Hewitt, preside del college di Dundee e Angus, ha commentato l’annuncio: 

“Siamo estremamente entusiasti di lanciare la nostra nuova laurea dedicata alla fondazione di esport, la prima in Scozia. L’industria degli esport in Scozia sta crescendo a un ritmo rapido e offre molto più di un percorso mainstream nel settore dei giochi”.

Si tratterà di un corso da due anni, sebbene si prevede anche di offrire in futuro l’opportunità di seguire un anno aggiuntivo in modo tale da ottenere una laurea triennale completa. Tutti coloro che sono interessati ad iscriversi possono farlo già da adesso sul sito ufficiale del corso.

La laurea fornirà agli studenti tutte le conoscenze richieste per comprendere la cultura degli esport, analizzare l’engagement del pubblico, la condotta etica e i ruoli professionali all’interno del settore. Inoltre, gli studenti potranno sviluppare skill digitali per la produzione di eventi live, broadcasting e di streaming mentre, allo stesso tempo, comprenderanno l’importanza del coaching, le strategie e la psicologia sportiva.

Secondo quanto riportato nell’annuncio, gli studenti beneficeranno di una classe interamente dedicata allo studio degli esport, che comprenderà anche PC da gaming e un’area di Esports Society dove saranno presenti delle console. Tra i piani di ampliamento delle strutture c’è anche la volontà di aggiungere ben due stanze per i tornei, due studi per il broadcasting e uno studio di registrazione.

Si tratta di una novità molto importante che contribuirà senza dubbio a consolidare l’importanza dell’industria esport nel territorio scozzese, ed europeo più in generale. Sempre più stati si stanno impegnando per comprendere il settore tra cui proprio la Francia, che ha recentemente presentato un piano esport nazionale a supporto del mercato.