Home » Fnatic abbandona il circuito Pro di Dota

Fnatic abbandona il circuito Pro di Dota

Scioglimento del roster dopo le BTS Pro Series.

di Redazione
Fnatic abbandona il circuito di Dota pro

2 min. di lettura

Dopo più di otto anni di competizioni professionistiche di Dota 2 nel sud-est asiatico (SEA), Fnatic ha annunciato venerdì scorso che abbandonerà la scena professionistica del titolo.
Dice nell’ annuncio di essere stata recentemente “costretta a riflettere sulla sostenibilità e sul futuro del titolo” e di essere giunta alla conclusione di doversi “ritirare temporaneamente dal circuito pro di DOTA 2”.

“Vorremmo esprimere la nostra più sentita gratitudine a tutti i giocatori, lo staff e i membri che hanno fatto parte di questo incredibile viaggio, insieme alla nostra incredibile fanbase che ha reso il nostro viaggio nella regione SEA così speciale”, ha scritto la società nella dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale.

Fnatic, che continua a schierare molte squadre in altri esports, tra cui Counter-Strike: Global Offensive, League of Legends, Halo, Apex Legends, FIFA, Valorant e Rainbow Six Siege, ha aggiunto che sta lavorando per trovare “una nuova casa” per i giocatori e lo staff del team prima di “lasciare formalmente il DPC Tour 2023“. L’attuale roster di Dota 2 continuerà a rappresentare l’organizzazione fino all’attuale BTS Pro Series, dopodiché sarà sciolto.

Patrik Sättermon, Chief Gaming Officer di Fnatic, ha detto:

“Sembra ieri che sono saltato su un volo per la Malesia con la missione di riportare Fnatic nel DOTA2 competitivo, questa volta con una squadra SEA per dare il via alla nostra espansione regionale in uno dei mercati in più rapida crescita. Otto anni dopo, guardiamo indietro ad alcuni momenti incredibili, con diverse iterazioni iconiche di Fnatic DOTA che hanno realizzato la nostra ambizione di diventare leader regionali, in grado di lottare tra le migliori squadre a livello internazionale.
Più che gli infiniti buyback, backdoor, furti e momenti esportivi epici che possiamo ricordare, ricorderò umilmente le persone che hanno reso possibile tutto questo, così come l’incredibile supporto che ci hanno mostrato i fan del SEA.
Un ringraziamento speciale va a Eric, Pao, Rocelle, Sunbhie, Mushi, Ohaiyo, DJ e Neil, che hanno dato tutti più del loro meglio al nostro progetto e hanno aiutato uno straniero smarrito e un dilettante (ma appassionato) di MOBA a creare una potenza nel SEA in DOTA.
Mentre ora voltiamo pagina e ci allontaniamo temporaneamente da DOTA, voglio augurare ai giocatori e allo staff la migliore fortuna nella vostra #RoadToTI12. “

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo ESL One Dota 2 Major: prossima tappa Berlino