Home » Cina: i ricavi Esports del 2022 ammontano a 21 miliardi di dollari

Cina: i ricavi Esports del 2022 ammontano a 21 miliardi di dollari

In calo rispetto al 2021

di Redazione
Cina: i ricavi Esports del 2022 ammontano a 21 miliardi di dollari

2 min. di lettura

La China Audio-Video and Digital Publishing Association (CADPA) e il governo di Shenzhen Nanshan hanno ospitato l’annuale conferenza China Esports 2022 a Shenzhen, in Cina.

Il Comitato per gli Sport Elettronici (ESC) della CADPA ha riferito che l’industria cinese esportiva nel 2022 ha generato ricavi per 144,5 miliardi di Renminbi (o yuan), pari a 21 miliardi di dollari, con un calo del 14,01% rispetto al 2021. La CADPA è un’organizzazione senza scopo di lucro di proprietà del Dipartimento della Pubblicità del Partito Comunista Cinese.

I ricavi totali degli esports in Cina sono risultati per l’81,52% dai ricavi diretti dei titoli esportivi, per il 15,28% dai ricavi da streaming, per l’1,32% dai ricavi dei tornei, l’1,25% dai ricavi delle organizzazioni esports e per lo 0,63% da una categoria classificata come “altro”.

La Cina conta attualmente 488 milioni di utenti esport attivi, di cui il 56,4% maschi e il 43,6% femmine. Nel 2022 sono stati ospitati in Cina 108 tornei, di cui il 22,39% a Shanghai, che si conferma la capitale dell’esport cinese. Hangzhou, Chengdu e Shenzhen hanno ospitato rispettivamente l’8,9%, il 7,4% e il 5,97% degli altri tornei di esports.

Traendo la summa dai numeri, esce fuori che l’industria esportiva cinese ha generato 3,89 miliardi di dollari grazie a streaming, tornei e organizzazioni di esports, con un calo del 4,17% rispetto al 2021.

Nelle conclusioni, l’ESC ha ricollegato le ragioni di questi cali ai disagi e alle restrizioni causate dalla pandemia COVID-19. Tuttavia, la Cina ha riaperto completamente i battenti all’inizio del 2023, abbandonando le limitazioni dovute alla pandemia. Negli utlimi due mesi sono stati registrati diversi sviluppi positivi per il settore, come l’approvazione ufficiale di Valorant nel Paese e l‘investimento di 265 milioni di dollari da parte di Savvy Games Group a favore dell’organizer cinese VSPO.