Home » Astralis annuncia l’uscita da Rainbow Six

Astralis annuncia l’uscita da Rainbow Six

La lega nord-americana si svuota

di Alessandra Rizzo
Astralis

1 min. di lettura

L’organizzazione di esports danese Astralis ha annunciato che abbandonerà la scena esportiva di Rainbow Six Siege.

Entrata a far parte della north american league nel settembre del 2021 dopo aver acquisito il roster di Disrupt Gaming, ha inanellato svariati successi, l’ultimo dei quali è stato un ottimo quarto posto al Six Invitational di Montreal all’inizio del mese, che gli ha fruttato 170.000 dollari di premio, dietro a Oxygen Esports, W7M Esports e al vincitore G2 Esports.

Le ragioni addotte per giustificare la ritirata hanno a che fare con le rinegoziazioni degli accordi tra team e la lega nord-americana.

“Come risultato degli sviluppi degli accordi con la lega, le condizioni per gestire una sana organizzazione di squadra di Rainbow 6 sono peggiorate in modo significativo”, ha scritto la società in un comunicato.

“Pertanto, con rammarico, Astralis annuncia oggi il ritiro dell’organizzazione da Rainbow 6 e dalla partecipazione alla lega nord-americana”.

Nella speranza che la situazione possa cambiare in futuro e per non precludersi nessuna possibilità, la società ha dichiarato che le sue operazioni negli Stati Uniti rimarranno attive.

Astralis è solo l’ultimo dei grandi team esport che annuncia l’uscita dalla lega lamentando una mancanza totale di supporto: si accoda al team brasiliano FURIA e agli americani TSM e Beastcoast.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo FURIA Esports abbandona Rainbow Six Siege