Home » NeoTV sta pianificando un’IPO da 55 milioni di dollari per il NASDAQ

NeoTV sta pianificando un’IPO da 55 milioni di dollari per il NASDAQ

Ma la documentazione è approssimativa

di Valentina Fontana
NeoTV

2 min. di lettura

NeoTV Group Limited (NeoTV), società di produzione di tornei di esports white label con sede a Shanghai, sta preparando un’offerta pubblica iniziale (IPO) da 55 milioni di dollari, con la speranza di essere accettata al Nasdaq con il simbolo “NTV”.

NeoTV, che ha sede a Shanghai ma è stata costituita nelle Isole Cayman, è un‘entità a interesse variabile (VIE). Conduce tutte le sue operazioni attraverso NeoTV HK, una holding intermedia, NeoTV Beijing, filiale indiretta interamente controllata nella Repubblica Popolare Cinese, e NeoTV Shanghai.

Il bookrunner dell’IPO sarà Prime Number Capital, che ha aiutato diverse altre società asiatiche a far accettare le proprie offerte pubbliche iniziali alla borsa statunitense, tra cui Genetron Health, Blue City, UCommune, Ebang e Aesthetic Medical International. La società non ha ancora rivelato il numero di azioni che offrirà o il prezzo per azione.

Secondo il prospetto depositato presso la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense, la società è specializzata nel facilitare e promuovere competizioni di esports in Cina. NeoTV sostiene di aver ospitato in passato una serie di eventi, tra cui il National Electronic Sports Open, la Tencent Global Esports Arena, la League of Legends Wild Rift Professional League, la Tencent League of Legends Allstar, Tencent Honor of Kings World Champion Cup Tencent Peacekeeper Elite, NetEase [Hearthstone] Gold Club World Cup e NetEase Onmyoji Arena Pro League.

Tuttavia, non c’è documentazione sufficiente che dimostri la paternità di Neo TV su queste competizioni. Il National Electronic Sports Open è una competizione di esports multi-titolo (e quindi multi-organizzatore), la League of Legends Wild Rift Professional League (WRL) e la League of Legends Pro League All-Star (LPL All-Star) sono state organizzate da TJ Sports, di proprietà di Riot Games e Tencent. L’Honor of Kings International Championship (KIC) e la Peace Elite League (PEL) sono stati organizzati da Tencent e da VSPO, il più grande organizzatore di tornei cinese, che ha appena ricevuto un investimento di 2,65 milioni di dollari da Savvy Games Group. La NetEase Hearthstone Gold Club World Cup è stata organizzata nel 2020 da NetEase ed ora non è più in programma perché la partnership tra NetEase e Activision Blizzard è terminata all’inizio del 2023.

Data la natura dei tornei che produce, tutti o quasi white label, non è sempre chiaro quali e quanti la società abbia effettivamente organizzato. Vedremo quale sarà la decisione del NASDAQ, ma sembra difficile ad oggi, con una documentazione così approssimativa, che la società cinese riesca a farsi ammettere alla borsa statunitense.