Home » I Fnatic vincono il secondo evento Valorant più seguito della storia

I Fnatic vincono il secondo evento Valorant più seguito della storia

LOUD team più popolare

di Alessandra Rizzo
I Fnatic vincono il secondo evento Valorant più seguito dell storia

2 min. di lettura

Riot Games ha dato il via alla stagione competitiva di Valorant con il Valorant Champions Tour (VCT) LOCK//IN di San Paolo, vinto dall’organizzazione inglese Fnatic. Secondo il sito di raccolta ed analisi di dati sui tornei esport Esports Charts, il torneo ha attirato circa 1,43 milioni di spettatori di picco e circa 430.000 spettatori di media con poco più di 100 ore di trasmissione.

La competizione è il secondo evento più visto nella storia di Valorant. Si è concluso con la gran finale tra il team brasiliano LOUD, protagonista in tre delle sei partite più seguite della competizione, e i Fnatic, usciti vincitori dalla competizione. La gran finale è stata la partita più seguita del torneo, grazie sia all’importanza del match che proprio alla partecipazione dei LOUD, squadra più popolare del torneo.

Il VCT LOCK IN ha visto la partecipazione di 32 squadre provenienti dalle tre principali regioni di Valorant: EMEA, Pacifico e Americhe. Il torneo è servito sia per dare il via ufficiale alla nuova stagione VCT, sia per presentare tutte le squadre che parteciperanno ai campionati regionali.

Sarebbero serviti appena 60.000 spettatori in più per superare il Valorant Champions 2022, che rimane l’evento più seguito del titolo. I dati sull’audience includono tutti gli stream ufficiali e le trasmissioni in co-streaming dei partner selezionati da Riot Games, che sono stati oltre 150. In totale sono stati più di 200 i canali che hanno coperto l’evento su diverse piattaforme e in diverse lingue.

Unica nota di demerito mossa dai fan e dagli opinionisti agli organizzatori del torneo riguarda il format della maggior parte dei match, il best-of-one. In questo format infatti le squadre sono eliminate dopo una sola sconfitta, il ché rende gli scontri meno meritocratici e skill-based, oltre a ridurre drasticamente le ore trasmesse.