Home » Rocket League femminile: Ally Financial lancia un torneo da $40.000

Rocket League femminile: Ally Financial lancia un torneo da $40.000

L’ingresso di Ally nel mondo degli esports

di Luca Tagliaferri
Rocket League femminile

2 min. di lettura

Rocket League Esports e la società di servizi finanziari Ally Financial hanno annunciato l’Ally Women’s Open, un nuovo torneo di Rocket League femminile.

Il torneo, che fa parte di una più ampia partnership tra le due parti, si svolgerà a marzo con un montepremi di 40.000 dollari distribuito equamente tra Europa e Nord America.
L’Ally Women’s Open sarà prodotto dalla piattaforma di esports femminili Raidiant e guidato da un management team tutto al femminile. Il torneo segna l’ingresso di Ally nel mondo degli esports e fa parte dell’impegno dell’azienda a dividere equamente la spesa mediatica tra sport maschili e femminili, inclusi gli esports.

Il torneo avrà inizio il 26 marzo e sarà trasmesso sul canale Twitch ufficiale di Rocket League, il che probabilmente aumenterà la visibilità e il numero di spettatori. Anche se non è stato ancora confermato, gli stream sul canale Twitch di Rocket League Esports hanno spesso dei drop abilitati, il che significa che gli spettatori hanno la possibilità di ottenere degli oggetti in-game, cosa che potrebbe aumentare ulteriormente la viewership.

La collaborazione fa parte di un più ampio accordo di sponsorizzazione tra Ally e Rocket League Esports per la Rocket League Championship Series (RLCS), annunciato per la prima volta nel febbraio 2023, i cui dettagli non erano stati resi noti fino ad oggi. La partnership vede Ally diventare uno sponsor ufficiale dell’RLCS nordamericano e include anche il branding nelle trasmissioni dell’RLCS durante gli split invernali e primaverili. Comprende l’acquisto di pubblicità e integrazioni di trasmissioni durante i livestream dell’RLCS, oltre all’inclusione nelle campagne sociali associate alla lega.

La sponsorizzazione includerà anche dei segmenti per contribuire a valorizzare i giocatori amatoriali e semi-professionisti, noti come la scena “bubble” di Rocket League, attraverso una campagna di Community Empowerment con Rocket League Esports.
La campagna cerca di avvicinare i giocatori più giovani ai talent scout, nel tentativo di creare opportunità negli RLCS in futuro.

Il torneo Ally Women’s Open arriva dopo un mese turbolento per il Women’s Car Ball, il più grande e rilevante circuito di tornei femminili di Rocket League. La Women’s Car Ball è stata recentemente acquistata dall’organizzazione di esports G1 dal precedente proprietario KC Pioneers, che non ha pagato nessuno dei suoi dipendenti da quando ha acquistato la lega.

Bridget Sponsky, direttrice esecutiva del brand e delle partnership di Ally, ha commentato:

“Gli investimenti in tutti gli sport, compresi gli esports, sono stati a lungo orientati verso le competizioni maschili. Per affrontare questa disuguaglianza, ci siamo impegnati a raggiungere la parità di spesa mediatica negli sport maschili e femminili nei prossimi cinque anni, perché crediamo che ci debba essere parità di condizioni per tutti gli atleti, sia in campo, sia in pista, sia nel gaming. Questa sponsorizzazione ci offre un’opportunità per coinvolgere fan e giocatori di un settore molto popolare, fornendo al tempo stesso una maggiore visibilità e opportunità di guadagno per delle atlete femminili di incredibile talento”.