Home » Cloud9 licenzia parte del suo staff

Cloud9 licenzia parte del suo staff

A casa quattro dipendenti, ma il CEO Jack Etienne non commenta la vicenda

di Lorenzo Ardeni
Cloud9

2 min. di lettura

Secondo quanto riportato da The Esports Advocate, almeno altri quattro impiegati di Cloud9, organizzazione esport con sede a Los Angeles, sono stati licenziati. Peraltro, sembrerebbe che tutti e quattro lavoravano nella divisione della compagnia dedicata alla creazione di contenuti o comunque nella produzione di video per la compagnia. Al momento in cui vi riportiamo il fatto, non sono noti i dettagli relativi al licenziamento, né sappiamo se altri lavoratori di Cloud9 hanno ricevuto lo stesso trattamento. Peraltro, non siamo neanche a conoscenza delle identità delle persone che sono state licenziate.

Di fatti, Cloud9 non ha voluto commentare il fatto quando gli sono state chieste delucidazioni da parte di The Esports Advocate, né abbiamo commenti ufficiali in merito. Il CEO dell’organizzazione, Jack Etienne, si era invece espresso in un thread Reddit questo sabato, per rispondere ad un altro thread relativo alle recenti uscite dell’organizzazione da una serie di campionati di esport e voci secondo cui ha tagliato gli stipendi dei giocatori su tutta la linea. Etienne ha infatti spiegato che la compagnia si trova attualmente in una situazione stabile, da un punto di vista finanziario, fatto che lascia ancora con più domande sul licenziamento dei quattro dipendenti. Ha affermato:

“Siamo in un ottimo posto finanziariamente e miro a mantenerlo in questo modo controllando i costi in un momento in cui le sponsorizzazioni sono strette. Sto pianificando per il lungo termine.”

Si tratta di una notizia che sicuramente fa dispiacere, ma che conferma la tendenza di molte organizzazioni di esport di licenziare parte della sua forza lavoro. Il fatto capita anche a ridosso del collasso della Silicon Valley Bank, sebbene non sembrerebbero ancora esserci correlazioni dirette tra i due avvenimenti. Per non perdere ulteriori aggiornamenti, come sempre, vi consigliamo di restare connessi sulle pagine di Esports Industry.