Home » WePlay Academy League: non si gioca fino alla fine della guerra

WePlay Academy League: non si gioca fino alla fine della guerra

La lega riprenderà dopo la cessazione delle ostilità

di Davide E. Nappi
WePlay Academy League: non si gioca fino alla fine della guerra

2 min. di lettura

L’organizzazione ucraina di esports WePlay ha annunciato che rinvierà la WePlay Academy League fino alla fine dell’invasione russa in Ucraina.

Già ad ottobre 2022 il campionato era stato rinviato a data da definirsi a causa degli attacchi missilistici russi, che avevano compromesso la capacità di organizzazione e trasmissione della lega. La società aveva annunciato allora l’intenzione di tornare alla competizione una volta che le infrastrutture fossero state riabilitate. Ciò non è avvenuto, complice il perdurare inaspettato del conflitto, che ha convinto WePlay a posticipare ulteriormente il campionato fino a che le ostilità non siano cessate del tutto.

La prima stagione della WePlay Academy League si è svolta nel 2021 e il torneo è stato un successo. Hanno partecipato al torneo le Academy dei più importanti team esport e alcuni giovani talenti di CS:GO si sono messi in luce e sono poi diventati player professionisti. Tra le squadre che hanno partecipato all’ultima stagione della WePlay Academy League figurano FURIA, Fnatic, NAVI, OG, ENCE, BIG, NIP e Astralis.

Nel comunicato pubblicato sul sito web ufficiale della lega, WePlay ha condiviso la seguente dichiarazione: “Oggi dobbiamo annunciare che il progetto WePlay Academy League è in pausa fino alla fine della guerra in Ucraina. L’esperienza delle ultime stagioni ha dimostrato che, nella situazione attuale, non ci sono le condizioni adatte per organizzare le prossime stagioni del torneo secondo gli standard che abbiamo stabilito fin dalla stagione 1.
Come sempre, la sicurezza del nostro staff e di tutti i partecipanti al torneo è la nostra massima priorità. Questa decisione è stata concordata con tutte le organizzazioni partecipanti”.

Dall’inizio della guerra, WePlay ha tagliato i legami con le aziende russe e bielorusse, ma ha anche continuato a operare fuori dall’Ucraina. In particolare, l’azienda ha rinnovato la partnership con MEGOGO, concentrandosi sullo sport, e ha collaborato con aziende del calibro di OTK Media e GRID nel 2022.