Home » Simplicity Esports, merger con Diverted River Technology per sanare i debiti

Simplicity Esports, merger con Diverted River Technology per sanare i debiti

Più di 6 milioni convertiti in azioni ordinarie

di Valentina Fontana
Simplicity

2 min. di lettura

Simplicity Esports ha annunciato di aver stipulato un accordo con creditori che convertirà 6,1 milioni di dollari di debiti in azioni ordinarie, che rappresentano circa il 5% di tutte le azioni ordinarie emesse ed in circolazione.

La manovra fa parte di un accordo di scambio tra Simplicity e Diverted River annunciato alla fine del 2022. Secondo i termini del contratto, Simplicity si impegna ad acquisire il 100% delle quote associative di Diverted River in cambio del 75% delle azioni ordinarie emesse e in circolazione di Simplicity Esports. Tutte le parti coinvolte hanno concordato che la transazione sarà completata entro il 14 luglio, approvazioni normative permettendo.

Simplicity è quotata all’OTCQB, un livello intermedio del mercato over-the-counter (OTC) per le azioni statunitensi, con il ticker “WINR”. L’azienda gestisce attualmente un’attività di franchising per 12 esports gaming centers in tutti gli Stati Uniti. Un tempo deteneva anche la licenza per la gestione dell’organizzazione brasiliana di esports Flamengo Esports, la divisione esports della squadra di calcio CR Flamengo. In seguito alla parziale acquisizione da parte di Los Grandes, la squadra è stata rinominata Flamengo Los Grandes.

Diverted River possiede una cloud-based user platform proprietaria chiamata Takoha, che opera nel settore dell’intrattenimento basato sulla geolocalizzazione. Co-founder e CEO dell’azienda è Zack Johnson, noto soprattutto per aver fatto parte del team che ha sviluppato il software per i tornei esports ggCircuit, venduto a Esports Entertainment Group nel 2021 per 26 milioni di dollari.

Una volta completata la transazione, le due entità diventeranno una sola, la Diverted River, e si quoteranno in borsa mantenendo il ticker “WINR”. Johnson assumerà il ruolo di CEO della nuova società.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo Astralis avvia una revisione strategica: possibilità di delisting volontario