Home » Skyesports Masters, ecco la nuova lega di CS:GO in India

Skyesports Masters, ecco la nuova lega di CS:GO in India

Le finali saranno a Mumbai

di Alessandra Rizzo
AMD e Windows 11 nominati sponsor degli Skyesports Masters

2 min. di lettura

Skyesports, società indiana di esports e gaming, ha annunciato la creazione di nuova lega di CS:GO chiamata Skyesports Masters.

Articolata su tre mesi, Skyesports Masters vedrà otto squadre competere in CS:GO per aggiudicarsi una parte del montepremi di 220.000 euro circa.

Attraverso sponsorizzazioni, merchandising e diritti dei media, Skyesports sfrutterà la propria posizione di mercato per creare opportunità di guadagno per tutte le squadre che parteciperanno alla lega. In questo modo l’organizzazione si augura di poter creare un ecosistema sostenibile per Counter-Strike negli anni a venire.

I Qualifier che daranno il via alla competizione si svolgeranno in 20 città del Paese, tra cui anche Delhi, Hyderabad e Mumbai. Le squadre in possesso del franchise potranno attingere anche a talenti di team amatoriali (o professionistici ma non in possesso del franchise) per espandere eventualmente i propri roster, composti da proplayer indiani e internazionali di Counter-Strike.

Una volta definiti i roster, le otto squadre si sfideranno a Mumbai per aggiudicarsi il primo premio. L’evento LAN sarà suddiviso in due fasi, il campionato e i playoff, e sarà aperto al pubblico dal vivo. La location esatta ed altre informazioni sui biglietti saranno annunciate in seguito.

Shiva Nandy, fondatore e CEO di Skyesports, ha commentato:

“Lo Skyesports Masters è destinato a ridefinire e dare l’esempio per gli esports in India. Grazie al nostro sistema di franchise, abbiamo trovato otto fantastici partner che faranno parte della stagione inaugurale della lega. Il nostro obiettivo per la lega non è solo quello di creare uno dei tornei più grandiosi per il pubblico, ma anche di costruire un ecosistema valido per le organizzazioni esports, creando molti flussi di entrate per loro. Questa è la necessità del momento per l’industria indiana degli esports, dato che molte organizzazioni stanno subendo enormi perdite”.