Home » Esports Entertainment Group: tagli al personale per sanare il bilancio

Esports Entertainment Group: tagli al personale per sanare il bilancio

A casa 60 dipendenti

di Davide E. Nappi
Esports Entertainment Group

2 min. di lettura

Esports Entertainment Group, gruppo esportivo quotato al NASDAQ con le sigle GMBL, GMBLP, GMBLW, GMBLZ, ha annunciato di aver ridotto il proprio personale da 158 a 99 dipendenti.

La notizia è stata data attraverso una lunga nota direttamente dall’attuale CEO di EEG, Alex Igelman, nella quale vengono illustrati i piani di ristrutturazione interna e di adeguamento dell’azienda per quest’anno.
Nella nota Igelman afferma che questi tagli ridurranno i costi per gli stipendi del 36% annuo. Sebbene queste mosse abbiano comportato dei costi iniziali legati alla ristrutturazione, infatti, Igelman sostiene che il piano ridurrà i costi operativi annui di circa 4 milioni di dollari.

Il CEO ha inoltre dichiarato che la società si dedicherà alle “scommesse sugli esports attraverso nuovi contenuti e offerte” e che sta contemporaneamente implementando strategie per espandere i servizi di scommesse sugli esports per i consumatori attraverso la sua piattaforma Idefix e le integrazioni della soluzione iFrame di Oddin.gg. Attualmente la società gestisce la sua attività di iGaming attraverso una licenza della Malta Gaming Authority (MGA). Negli Stati Uniti, prevede di aggregare soluzioni B2B ad altri operatori e di puntare alla scena collegiale utilizzando il suo software proprietario ggCircuit.

Nella nota si legge che Esports Entertainment Group sta cedendo alcune attività e chiudendone altre. A gennaio ha venduto la licenza di gaming spagnola per gli eSports per circa 1,2 milioni di dollari, a febbraio ha venduto l’attività Bethard per circa 1,7 milioni di dollari in contanti, estinguendo così il debito e le passività dell’attività che ammontava a circa 7,5 milioni di dollari, e a marzo ha chiuso le attività di gioco d’azzardo nel Regno Unito, che facevano capo alla sussidiaria Argyll Entertainment.

Igelman spiega nella nota:

“Abbiamo migliorato drasticamente il nostro bilancio. In particolare, abbiamo ridotto il debito e le altre passività di circa 27,1 milioni di dollari dal 31 dicembre 2022. Il capitale della nostra Senior Convertible Note è stato ridotto di 16,3 milioni di dollari, da 32,2 milioni di dollari al 31 dicembre 2022 a 15,9 milioni di dollari al 31 marzo 2023. Gli altri debiti verso il titolare della Senior Convertible Note sono stati ridotti di 2,5 milioni di dollari. Grazie alla vendita della già citata attività di Bethard all’inizio dell’anno, abbiamo eliminato circa 7,5 milioni di dollari di debiti e passività. Infine, abbiamo risolto un contratto di locazione, con una conseguente riduzione di 0,8 milioni di dollari di passività. Apprezziamo il sostegno del nostro senior lender e stiamo lavorando per convertire il debito rimanente in azioni privilegiate, il che, a nostro avviso, dimostra la loro fiducia nelle prospettive a lungo termine dell’azienda”.