Home » I team UKETC collaborano per un’iniziativa sulla salute mentale

I team UKETC collaborano per un’iniziativa sulla salute mentale

Grazie all'aiuto di Play Aid formeranno professionisti per il primo soccorso psicologico

di Fabio Ferraro
I team UKETC collaborano per un'iniziativa sulla salute mentale

2 min. di lettura

I membri dell’UK Esports Team Committee (UKETC) hanno annunciato l’inclusione di professionisti preposti il primo soccorso psicologico nel loro programma. I suddetti professionisti saranno delle persone idonee a supportare i giocatori con problemi di salute mentale e a lavorare sul proprio benessere psicofisico.

Fnatic, Resolve Esports, MNM Gaming, EXCEL Esports, Vexed Gaming, Endpoint, Method e Manchester City Esports hanno tutti concordato di formare i primi candidati insieme a Play Aid, senza scopo di lucro.

Il “Pronto Soccorso Psicologico” è una forma di cura riconosciuta dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Osserva e fornisce assistenza non appena si manifestano i primi segni di problemi di salute mentale, come ad esempio depressione e ansia. Le tecniche ad esso associate sono state inizialmente progettate per alleviare il disturbo da stress post-traumatico, ma vengono utilizzate in un’ampia gamma di applicazioni, una delle quali è il gioco professionale.

Play Aid, un’organizzazione no profit del Regno Unito, forma i giocatori in questa forma di primo soccorso in modo che possano affrontare facilmente l’ambiente stressante del gioco competitivo e dello streaming. L’organizzazione è supportata da Movember, un ente di beneficenza globale impegnato ad aiutare la salute degli uomini.

Dan Cooper, direttore dell’innovazione di Movember, ha osservato che i team di esport sono un ottimo partner con cui lavorare poiché sono una linea diretta verso i giovani.Cooper ha anche aggiunto che l’organizzazione è felice di aiutare a sottolineare l’importanza della salute mentale e della cura di sé per i fan e le squadre del settore.

 

Nell’ambito della partnership con Play Aid, i team UKETC disporranno tutti di professionisti per il pronto soccorso psicologico addestrati  per aiutare gli altri a superare possibili problemi. In una dichiarazione, i team hanno affermato di voler essere un esempio di attenzione al miglioramento della salute mentale e fisica e sperano che più organizzazioni di eSport in tutto il mondo facciano lo stesso.

 

John Mills, amministratore delegato di Play Aid, ha commentato: “Siamo entusiasti di collaborare con i team all’interno dell’UKETC per promuovere l’importanza del primo soccorso psicologico nei team di esport. Fornendo formazione gratuita di primo soccorso psicologico, speriamo di consentire ai team di esport di tutto il mondo di supportare meglio la salute mentale e il benessere dei loro giocatori”.

Non è la prima occasione in cui la salute mentale entra a far parte dei discorsi connessi al mondo del gaming e degli esports, forse potrebbe interessarti questo articolo!