Home » Pathfinders: la nuova serie di tornei di League of Legends al femminile

Pathfinders: la nuova serie di tornei di League of Legends al femminile

Almeno quattro tornei previsti per il 2023

di Valentina Fontana
Pathfinders

2 min. di lettura

Projekt Gap, agenzia di gaming e esport, ha annunciato l’imminente lancio di una nuova serie di tornei chiamata Pathfinders, incentrata su competizioni al femminile.

L’evento iniziale sarà un torneo di League of Legends, previsto per maggio 2023, caratterizzato da una struttura mista tra possessori di franchigia e non. Tra questi, parteciperanno G2 HEL, BIG Chroma, Galaxy Racer e QLash Midnight.

Projekt Gap è un’agenzia del Regno Unito che ha come mission il creare e favorire accessibilità per giocatori e brand nel settore gaming e esports.

Pathfinders sarà incentrata su League of Legends, ma non è esclusa la possibilità che sarà giocata anche su altri titoli. Nel 2023 ci saranno almeno quattro tornei Pathfinders, ognuno dei quali vedrà la partecipazione di otto squadre, sei delle quali con una franchigia.

Il modello previsto da Projekt prevede che le sei squadre in franchigia firmino un accordo con gli organizzatori per partecipare alla serie per almeno un anno. Si tratta di Team Solary, Galaxy Racer, G2 Esports, QLash Midnight, Vitality French Bees e BIG Chroma.

Alle sei squadre partner si aggiungeranno due squadre qualificate che dovranno guadagnarsi il posto attraverso open qualifier. Secondo Projekt Gap, il sistema consentirà alle organizzazioni firmatarie di investire maggiormente nei roster con la garanzia di tornei regolari e di alta qualità.

I primi open qualifier per il torneo si terranno il 13 e 14 maggio e il primo evento si svolgerà il 27 e 28 maggio.

Ali Rashid, responsabile dei prodotti di Projekt Gap, ha dichiarato:

“Vogliamo fornire alle donne un ambiente sicuro per giocare e sviluppare le proprie carriere nell’ambito degli esports. Tuttavia, siamo anche consapevoli che per la crescita della scena è importante incentivare non solo i giocatori ma anche le organizzazioni.”

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo French Bees: la nuova squadra femminile del Team Vitality