Home » L’Asia, il Medio Oriente e il Nord Africa hanno generato il 56% delle entrate globali del settore nel 2022

L’Asia, il Medio Oriente e il Nord Africa hanno generato il 56% delle entrate globali del settore nel 2022

A rivelarlo è un report di Niko Partners

di Fabio Ferraro
L'Asia, il Medio Oriente e il Nord Africa hanno generato il 56% delle entrate globali del settore nel 2022

2 min. di lettura

Un nuovo report della società di ricerche di mercato Niko Partners ha rivelato che l’Asia e l’area che comprende il Medio Oriente e il Nord Africa hanno rappresentato oltre il 56% delle entrate globali degli esport nel 2022.

Secondo l’inchiesta dell’azienda, si stima che il mercato globale del settore abbia un valore di 1,3 miliardi di dollari. La Cina è rimasta il più grande mercato della macro-regione asiatica, generando ricavi per 445 milioni di dollari nel 2022. (Abbiamo approfondito la situazione cinese in questo articolo, forse potrebbe interessarti!)

Nonostante abbia generato la maggior parte delle entrate, la Cina ha subito un calo in termini di pubblico nel 2022 del 7,8% rispetto all’anno precedente. Tuttavia, sono aumentati i numeri delle visualizzazioni regionali negli altri mercati asiatici. Si segnalano in particolare India, Giappone e Sud-est asiatico (SEA). In tutta l’area MENA (Middle East and North Africa) e in Asia, Niko Partners ha riferito che l’anno scorso c’erano circa 742 milioni di fan di esport, di cui 400 milioni provenivano dalla sola Cina.

 

Niko Partners ha dichiarato che calcola le dimensioni del mercato globale in base alle entrate generate da elementi rappresentativi dell’ecosistema. Ciò include sponsorizzazioni, licenze multimediali, franchising di squadre, ticketing, merchandising e partnership di live streaming per i tornei.

È importante sottolineare che la cifra delle entrate esclude le entrate generate dalle vendite di giochi di esport, acquisti in-app e altre microtransazioni. Esclude anche le entrate sorte dal live streaming e dai creatori di contenuti. Stima le dimensioni del mercato sulla base di dati disponibili pubblicamente, tendenze generali e altri modelli.

Un altro punto chiave del report riguarda i giochi più popolari dello scorso anno per PC e console. Niko Partners ha evidenziato che VALORANT, Dota 2 e League of Legends spopolano su PC, mentre Apex Legends mostra una crescita in Giappone.

Per quanto riguarda i device mobili le aree in oggetto sono ampiamente dominate da PUBG Mobile (Peacekeeper Elite), League of Legends: Wild Rift e Mobile Legends: Bang Bang.

Niko Partners ha inoltre intervistato una varietà di dirigenti del settore, esaminato i dati di streaming, esaminato i dati finanziari delle aziende e utilizzato sondaggi sui giocatori per compilare i dati.

Alexander Champlin, Director of Esports Research presso Niko Partners, ha commentato: “Nel 2023, l’Asia rimane il centro di crescita per il mercato globale degli esport, mentre l’area MENA sta diventando un attore globale influente attraverso investimenti di alto valore ed eventi di alto profilo. Il fandom degli esport continua a crescere in tutta la regione. Le aziende di esport stanno consolidando e concentrando i loro sforzi, mentre la domanda di esport rimane forte. Di conseguenza, prevediamo di assistere a una crescita moderata sia delle entrate che del coinvolgimento del pubblico quest’anno”.