Home » Road to Asian Games: la nuova competizione asiatica

Road to Asian Games: la nuova competizione asiatica

Audi e IQOO main partner

di Davide E. Nappi
Road to Asian Games

2 min. di lettura

Il Consiglio Olimpico dell’Asia (OCA) e la Federazione Asiatica degli Sport Elettronici (AESF) hanno annunciato di aver organizzato una nuova competizione chiamata “Road to Asian Games” (RTAG), che si terrà a Macao dal 15 giugno al 16 luglio.

Ventinove Paesi e regioni asiatiche parteciperanno all’evento e i titoli saranno gli stessi di quelli ufficiali dei Giochi Asiatici di Hangzhou, e quindi League of Legends, Honor of Kings, Peacekeeper Elite, Dota 2, Dream of The Three Kingdoms, Street Fighter V e FIFA Online 4.

I risultati della nuova competizione influenzeranno la situazione dei raggruppamenti delle squadre nazionali nelle competizioni esports ufficiali agli Hangzhou Asian Games che seguiranno a settembre.

Il COO dell’AESF Steve Kim ha annunciato che la casa automobilistica Audi e l’azienda di smartphone IQOO diventeranno main partner dell’evento, e il brand di computer portatili HP OMEN e l’azienda di sedie da gioco Auto Full saranno special partner. Il presidente dell’AESF Kenneth Fok, il presidente della Japanese Esports Union Hideki Okamura e il segretario della India Esports Federation Lokesh Suji hanno espresso in una dichiarazione congiunta tutto il loro supporto all’evento e agli Asian Games di Hangzhou.

La competizione non sarà trasmessa sulla piattaforma cinese di live streaming DouYu, bensì su altre piattaforme come Bilibili, Huya, Kuaishou, Tencent Video e Weibo.

C’è inoltre la possibilità che l’annuncio della competizione possa accelerare il ritorno effettivo di Battlegrounds Mobile in India, data la presenza di Peacekeeper Elite (la versione cinese di PUBG Mobile) tra i titoli esports scelti per gli RTAG e dei Giochi asiatici di Hangzhou. L ‘editore sudcoreano Krafton ha annunciato di aver ricevuto l’approvazione dal governo indiano per distribuire nuovamente Battlegrounds Mobile India nel Paese, dopo un divieto di 10 mesi per problemi di sicurezza nazionale sulla gestione dei dati degli utenti.