Home » Abios ottiene la licenza per il gioco d’azzardo in Svezia

Abios ottiene la licenza per il gioco d’azzardo in Svezia

L'azienda di esports data potrà operare in Svezia

di Luca Tagliaferri
Abios ottiene la licenza per il gioco d'azzardo in Svezia

2 min. di lettura

L’azienda di esports data Abios ha ottenuto l’autorizzazione a fornire i suoi prodotti in Svezia, in seguito all’introduzione di una legislazione che rende più severo l’ambiente normativo per le aziende che servono le società di gioco d’azzardo.

Abios fornisce alle società di scommesse dei widget per i loro siti che indicano i risultati delle squadre, i punteggi in diretta e le statistiche insieme alle quote. I dati di gioco offerti dall’azienda includono CS:GO, League of Legends, VALORANT e Dota 2.

Con la licenza di fornitore B2B, Abios ottiene un permesso di cinque anni per fornire servizi sugli esports fino al 30 giugno 2028. L’anno scorso Spelinspektionen (l’Autorità svedese per il gioco d’azzardo) ha annunciato una legge sul gioco d’azzardo che combatte il gioco senza licenza nel Paese. Dal 1° luglio 2023, i fornitori non autorizzati non potranno servire i clienti in Svezia.

È stato un anno intenso per Abios, che festeggia il suo decimo anniversario nel 2023. A maggio ha annunciato la possibilità di scommettere sugli esports round-by-round e ha pubblicato un rapporto sulle scommesse per il 2022 che evidenzia come CS:GO sia stato il titolo esports più popolare al mondo per le scommesse di quell’anno.

Le misure dell’Autorità svedese per il gioco d’azzardo sono le ultime di una serie di provvedimenti volti ad affrontare il problema del gioco d’azzardo nel Paese. Secondo un report, nel 2018 il gioco d’azzardo  ha comportato costi sociali per 1,42 miliardi di euro .

 

Nel commentare la vicenda, l’amministratore delegato e fondatore di Abios, Oskar Fröberg, ha affermato che la reputazione del settore è stata compromessa a causa di operatori poco affidabili.

“Una delle nostre missioni principali è quella di consentire una crescita sostenibile del mercato regolamentato degli esports”, ha dichiarato. “Gli operatori senza licenza spesso non hanno solide garanzie contro il riciclaggio di denaro, né le soluzioni di pagamento che i governi richiedono alle scommesse sportive regolamentate”.

Fröberg ha proseguito: “Di conseguenza, non offrono ai loro utenti finali lo stesso livello di protezione del cliente e corrono un rischio maggiore di agire come piattaforme per il riciclaggio di denaro”. Fornendo agli sportsbook regolamentati contenuti di alta qualità, siamo entusiasti di portare l’intrattenimento degli esports a un pubblico più vasto“.