Home » Mkers Transfer-market: accordo con G2 Esports per la cessione di Gemini

Mkers Transfer-market: accordo con G2 Esports per la cessione di Gemini

Il talento italiano vola a Berlino

di Davide E. Nappi
Mkers Transfer-market accordo con G2 Esports per la cessione di Gemini

2 min. di lettura

Mkers e G2 Esports annunciano la firma di un importante accordo per la cessione del pro player di Rainbow Six Siege Luigi “Gemini” Ferrigno. I termini finanziari dell’accordo non sono stati resi noti, ma il trasferimento avrà un impatto importante sul panorama competitivo internazionale.

G2 Esports rappresenta una delle organizzazioni di esports più prestigiose e competitive al mondo e offrirà a Gemini la possibilità di competere sui palcoscenici più importanti del panorama internazionale.

Luigi Ferrigno fa parte del Team Mkers dal 2020 e in questi anni ha inanellato una serie di successi con i propri compagni, tutti consultabili sul sito ufficiale del Team, come la vittoria dell’Italian Cup, numerose vittorie nel circuito PG Nationals ma soprattutto la qualificazione al Six Invitational nel 2021, prima e unica partecipazione in assoluto per un team italiano.

“Gemini, con la sua esperienza e comprovate abilità, ha dimostrato di essere uno dei migliori player di Rainbow Six Siege in circolazione, crediamo quindi che meriti di militare in un team Tier 1” – dichiara Diego Hicham Aazzi, Esports Manager di Mkers, che ha aggiunto anche una considerazione sullo stato di salute del panorama competitivo di R6 in Italia.

“Abbiamo dimostrato in più occasioni di essere la realtà competitiva più di successo a livello italiano e tra i protagonisti della scena europea. Questo, tuttavia, non è bastato per ottenere uno slot di accesso alla Pro League, nonostante il dialogo continuativo con il publisher.
La rilevanza della scena competitiva nazionale è penalizzata dal peso stesso del mercato italiano di Rainbow Six Siege rispetto alle altre countries.

Inoltre il ristretto numero di investitori, spesso solo endemici all’industria, non favorisce lo sviluppo di un circuito competitivo tale per cui i grandi organizzatori internazionali abbiano interesse a fornire all’Italia le stesse modalità di accesso e di partecipazione.

Pertanto, vengono a mancare i presupposti fondamentali per consentire a Mkers di continuare ad investire sul competitivo di Rainbow Six. Non appena il circuito professionistico del titolo garantirà alle squadre italiane un iter di accesso alle competizioni paritario rispetto alle altre nazioni europee e mondiali, saremo pronti per tornare nuovamente sui palcoscenici internazionali.”

L’accordo con G2 Esports rappresenta un passo in avanti nella strategia di crescita di Mkers che, con questa operazione di transfer-market di altissimo livello, si conferma come punto di riferimento nel mondo esports italiano e internazionale, pronta a supportare e valorizzare i talenti emergenti.

 

Leggi anche il nostro articolo Mkers, presentati i risultati finanziari: crescita dei ricavi superiore all’80%