Home » Esports confermati come sport ufficiali per i Giochi Asiatici 2026

Esports confermati come sport ufficiali per i Giochi Asiatici 2026

La decisione del Consiglio Olimpico dell'Asia

di Valentina Fontana
Esports Asian Games

2 min. di lettura

Il Consiglio Olimpico dell’Asia ha annunciato che gli esports continueranno ufficialmente a far parte dei Giochi Asiatici (The Asian Games).

I Giochi Asiatici del 2026, che si svolgeranno nelle città giapponesi di Aichi e Nagoya, ospiteranno tornei esportivi su diversi titoli. I titoli selezionati per i Giochi del 2026 non sono stati ancora ufficialmente annunciati.

La notizia arriva prima della 19ª edizione dei Giochi Asiatici, che si terrà a Hangzhou, in Cina. L’edizione di quest’anno vedrà un totale di 10 eventi esports, giocati su Arena of Valora, Dota 2, EA Sports FC, League of Legends, Street Fighter V, PUBG Mobile e Dream of the Three Kingdoms 2.

Non sono state fornite ulteriori informazioni, tranne il fatto che la decisione è stata presa durante l’Assemblea Generale del Consiglio Olimpico dell’Asia. Gli esports faranno parte quindi della lista degli sport ufficiali dei Giochi.

Senza sorpresa, tutti gli stakeholder Asitici dell’ecosistema esportivo hanno accolto con favore la decisione. Il Presidente della Federazione Asiatica di Esports, Kenneth Fok, ha dichiarato:

“L’AESF accoglie con favore la decisione e l’annuncio sia dell’OCA che di AINAGOC e offriamo il nostro pieno supporto agli esports. Ci impegniamo a lavorare a stretto contatto con AINAGOC per garantire che il meraviglioso mondo degli esports continui a essere presentato come uno degli eventi medagliati ai 20esimi Giochi Asiatici dopo i Giochi Asiatici di Hangzhou 2022”.

Nel frattempo, il Direttore della Federazione degli Esports dell’India, Lokesh Suji, ha sottolineato che la notizia deve spingere l’India ad accelerare lo sviluppo delle infrastrutture, dei programmi educativi, delle strutture di allenamento ed è fondamentale fornire agli atleti indiani attrezzature e risorse di alta qualità.

Potrebbe interessarti anche il nostro articolo LaLiga: da Santander a EA Sports