Home » 100 Thieves: “Il Team COD ci è costato oltre 2 milioni”

100 Thieves: “Il Team COD ci è costato oltre 2 milioni”

Il COO Robinson: “Lo rifarei”

di Valentina Fontana
100 thieves

2 min. di lettura

Durante l’ultima season della Call of Duty League, il Team Esport 100 Thieves ha vinto il COD Champs ma il presidente e COO John Robinson ha dichiarato di aver riportato una perdita di 2.500.000 dollari. Nonostante ciò, non si pente di aver sostenuto il team.

La stagione di CDL Rostermania 2024 ha portato ad uno degli offseason più pazzi degli ultimi tempi.
Quattro squadre hanno annunciato l’addio dell’intero roster, inclusi i LA Thieves. Lo smantellamento è iniziato alla fine di giugno, quando Octane si è ritirato dal Call of Duty professionistico.

Envoy, Drazah e Kenny ne hanno seguito l’esempio e hanno lasciato l’organizzazione a luglio. Envoy è in trattative per unirsi ai Toronto Ultra nella prossima stagione, mentre Drazah avrebbe scelto di unirsi agli Atlanta FaZe anziché agli OpTic Texas.

Il futuro di Kenny è ancora incerto, ma la sua partenza ha segnato la fine di un’era per i 100 Thieves, che li ha visti vincere un campionato mondiale e diversi titoli Major.

Durante un episodio di “Nadeshot Knows”, il presidente e COO dei 100 Thieves, John Robinson, ha dichiarato:

“Abbiamo perso 2.500.000 dollari nel nostro programma Call of Duty l’anno scorso, quando eravamo i campioni del mondo.

Lo rifarei sapendo che c’era [la vittoria di un] un campionato del mondo dall’altra parte. Assolutamente, 10 volte su 10. Sono contento di averlo fatto per la nostra community e il nostro marchio”.

Nonostante ciò, i 100 Thieves non prevedono di spendere la stessa cifra per il team CDL del 2024. Robinson ha spiegato la logica dietro la decisione dell’organizzazione di ridimensionarsi per la prossima stagione.

“Credo che non sia più intelligente continuare a investire milioni di dollari sperando che in futuro valgano di più”.

Nadeshot ha parlato del dolore di perdere Envoy e Drazah, Kenny, ma ha ammesso di non poter biasimare i suoi ex pro player per aver deciso di cercare offerte più redditizie per supportare se stessi e le loro famiglie.

“Quando hai giocatori come Octane, Envoy, Kenny e Drazah, che ti portano a vincere campionati, vorresti che fossero con te per sempre. Purtroppo, per noi e per la situazione in cui ci troviamo, questa non è la realtà.

Non credo tuttavia che questa era degli esport dei 100 Thieves, dove dobbiamo essere molto attenti alle spese e fare scommesse su talenti emergenti, durerà per sempre. “