Home » NIVO lancia la divisione High Performance

NIVO lancia la divisione High Performance

Il programma mira a supportare gli atleti di esport

di Fabio Ferraro
NIVO lancia la divisione High Performance

2 min. di lettura

La società di gestione degli esport con sede a Londra NIVO ha lanciato una divisione High Performance in collaborazione con la società di consulenza privata The Edge HPL.

L’accordo vedrà entrambe le parti unire le forze per creare un programma che mira ad aiutare gli atleti di esport a raggiungere il loro pieno potenziale.

Secondo un comunicato, NIVO e The Edge HPL forniranno ai propri clienti un programma educativo incentrato sulle sfide affrontate dai professionisti del settore. Inoltre, la divisione si doterà di consulenze scientifiche e legate al mondo della nutrizione per migliorare le prestazioni di gioco e la qualità complessiva della vita.

La creazione della divisione NIVO High Performance segna la prima incursione di The Edge HPL nel settore degli esport. L’azienda ha già collaborato con altri sportivi, fra cui piloti di Formula 1 e calciatori professionisti, nonché aziende tra cui Mercedes AMG High Performance Powertrains.

Il programma durerà sei mesi durante i quali i partecipanti approfondiranno varie tematiche legate alle performance tra cui il sonno, l’idratazione e la preparazione per viaggiare per gli eventi. L’HIVO afferma che il programma  mira a stabilire nuovi standard nel settore degli esport.

 

Fondata nel 2021 da MDR Brand Management, NIVO ha creato un portafoglio clienti con atleti di esport e personale tecnico in diversi titoli tra cui VALORANT, Rocket League e Counter-Strike. In particolare, l’elenco dei clienti dell’azienda comprende Nikita ‘Derke’ Sirmitev (Fnatic), Vivian ‘roxi’ Schilling (G2 Gozen), Jack ‘ApparentlyJack’ Benton (Gen.G) e Leo ‘Leo’ Jannesson (Fnatic)

Tom Murray, fondatore e CEO di NIVO , ha parlato così della creazione della divisione: “Siamo lieti di lavorare con The Edge HPL su questa entusiasmante collaborazione. Crediamo che gli atleti di esport debbano ricevere lo stesso livello di supporto olistico dei calciatori della Premier League, dei pugili campioni del mondo e dei piloti di Formula 1, e migliorare la formazione su come massimizzare le prestazioni sia dentro che fuori dal server è una componente essenziale di tutto ciò.”