Home » SkRossi diventa ambasciatore di KREO

SkRossi diventa ambasciatore di KREO

Il giocatore indiano di Revenant Esports diventa una figura chiave per il marchio

di Fabio Ferraro
SkRossi diventa ambasciatore di KREO

2 min. di lettura

Il produttore di periferiche di gioco KREO ha collaborato con il giocatore di VALORANT Ganesh “SkRossi” Gangadhar per diventare il primo atleta KREO dell’azienda.

La collaborazione con SkRossi, che attualmente gioca per l’organizzazione indiana di esport Revenant Esports, lo vedrà utilizzare i prodotti KREO, prendere parte alle attivazioni KREO e contribuire allo sviluppo di nuovi prodotti rivolti ai giocatori PC.

SkRossi, che in passato ha gareggiato in Counter-Strike, è uno dei giocatori di VALORANT più importanti dell’India e ha rappresentato la propria area geografica di riferimento nel VCT Pacific dello scorso anno. Sebbene sia prevalentemente una regione di giocatori mobile, KREO spera che SkRossi diventi una figura chiave per il marchio. Si tratta infatti di uno dei pochi giocatori PC selezionati nel paese ad essersi assicurato una simile partnership.

In un comunicato, Rohit Jagasia, fondatore e CEO di Revenant Esports, ha spiegato come la sua organizzazione abbia avuto un ruolo nel consentire la partnership tra KREO e SkRossi. Jagasia ha affermato che Revenant è “immensamente orgoglioso di aver facilitato questa collaborazione“, il che “sottolinea l’impegno di Revenant non solo a ingaggiare atleti di punta, ma anche a sfruttare tutte le risorse disponibili per garantire la loro crescita ottimale”.

 

In merito all’annuncio, Ishan Sukul, CEO di KREO , ha commentato: “Abbiamo riconosciuto il talento di Rossi ancor prima di avviare Kreo. L’India ha bisogno di più pionieri nei settori del gaming e degli esport, di individui pronti a diventare sempre più importanti e ad ispirare i prossimi 10 milioni di professionisti. Dopo una sola chiacchierata con lui, abbiamo capito che è destinato a fare cose più grandi, non solo per VALORANT, ma per l’intero settore degli esport in India. La nostra partnership con lui non è del tutto semplice, è una relazione simbiotica che entrambi coltiveremo per lanciare attrezzature di qualità che portino i prossimi professionisti nell’arena.”