Home » Fusione tra GameSquare e FaZe Clan approvata dagli azionisti

Fusione tra GameSquare e FaZe Clan approvata dagli azionisti

Conflitto di interessi con Complexity per Counter-Strike

di Davide E. Nappi
GameSquare FaZe Clan

2 min. di lettura

Gli azionisti della società di esports management GameSquare Holdings hanno votato a favore della imminente fusione con FaZe Clan, rinomata organizzazione americana di esport. Le due parti si aspettano che la fusione si concluda nel prossimo futuro, anche se il processo sarà evidentemente soggetto a normali condizioni di closing.

In vista della riunione che ha decretato il sì alla fusione, i membri del consiglio di amministrazione di GameSquare hanno raccomandato all’unanimità agli azionisti di votare a favore dell’acquisizione.

Già il 16 febbraio gli azionisti di FaZe Clan avevano dalla loro parte votato a favore. In quell’occasione, gli azionisti rappresentanti il 91% delle azioni di FaZe avevano approvato la fusione.

La manovra di acquisizione, la cui chiusura era originariamente prevista per il quarto trimestre del 2023, è stata ritardata. A gennaio di quest’anno GameSquare aveva dichiarato che l’accordo era finalmente nelle sue fasi finali.

GameSquare ha annunciato l’intenzione di acquisire FaZe Clan nell’ottobre 2023, in un accordo che Bloomberg ha valutato a circa 17 milioni di dollari. Tale cifra rappresenterebbe una valutazione significativamente più bassa rispetto a quella precedente per FaZe Clan, che era stata valutata fino a 1 miliardo di dollari prima della quotazione in borsa.

GameSquare, una società di management che possiede già anche l’organizzazione di esports americana Complexity Gaming, l’agenzia di marketing Code Red, il servizio di analisi dello streaming Stream Hatchet, è anch’essa quotata al NASDAQ.

La fusione giunge in un momento di crescente consolidamento nel mercato degli esports. Sia le squadre, infatti, che le società di organizzazione di tornei cercano di ridurre i costi e continuare a operare in un mercato sostenibile.

Tuttavia, l’acquisizione di FaZe Clan da parte di GameSquare solleva preoccupazioni di conflitto di interessi, dato che anche Complexity schiera una squadra di Counter-Strike. Le due organizzazioni dovranno competere l’una contro l’altra in leghe partner come la BLAST Premiere e la ESL Pro League, i cui organizzatori stanno monitorando da vicino le implicazioni dell’accordo.